PAVIMENTI IN SOVRAPPOSIZIONE

PAVIMENTI IN SOVRAPPOSIZIONE

SOVRAPPOSIZIONE DI PAVIMENTAZIONE

 

Molto spesso prima di una ristrutturazione, la prima domanda che ricevo è la seguente

E' POSSIBILE POSARE UNA NUOVA PAVIMENTAZIONE IN CERAMICA O LEGNO SU DI UNA PAVIMENTAZIONE ESISTENTE?

La rispostai nel 99% dei casi è SI, dico nel 99% dei casi poiché bisogna prima verificare che la pavimentazione esistente non presenti zone di avvallamento ( che prima dovranno essere livellate),mattonelle distaccate (  in questo caso bisogna intervenire per un ripristino parziale ,con rimozione delle zone interessate e riempimento delle stesse con malte cementizie),parti friabili e/o incoese

Alcuni problemi si potrebbero verificare nel caso di posa di pavimenti di grande formato e piccolo spessore, che necessitano di un fondo pressochè perfetto quindi bisogna valutare bene la planarità e consistenza del fondo esistente

Prima di dare la risposta definitiva e sicura al 100% dobbiamo eseguire alcune valutazioni e valutare aspetti positivi e negativi

ASPETTI POSITIVI

Sicuramente un risparmio di tempo e quindi denaro, in quanto non si esegue la demolizione della pavimentazione esistente con relativo smaltimento di macerie di risulta e l'esecuzione del nuovo piano di posa ( caldana) per la successiva posa della nuova pavimentazione.

Un altro aspetto da non sottovalutare  nella demolizione della pavimentazione esistente, oltre a disagi, polvere e problemi di logistica,  è il rischio di intaccare tubazioni elettriche e, piu difficilmente idrauliche, con conseguente necessità del rifacimento parziale e/o totale degli impianti stessi, pertanto la sovrapposizione elimina questa problematica

La possibilità , quasi sempre presente, di utilizzare gli ambienti della casa anche durante la posa del nuovo pavimento

 

ASPETTI NEGATIVI

Forse l'unico aspetto negativo, ma agevolmente superabile, è l'aumento di spessore della pavimentazione.

 Posare una nuova pavimentazione sull'esistente causa solitamente uno scalino di circa cm 1,5 all'ingresso dell'appartamento , in questo caso dobbiamo posare un listello di raccordo ,della tipologia desiderata, facilmente nascondibile da uno zerbino .se nel frattempo abbiamo ristrutturato anche il bagno, non faremo altro che creare la pavimentazione del bagno al nuovo livello di posa.

Alzando lo spessore di circa 1,5 cm. dobbiamo intervenire su alcune situazioni. Porte interne ,porte balcone( se presenti ) porta ingresso

Le porte interne solitamente è sufficiente smontarle ed alzarle in quanto tra il sembrante superiore della porta e la cassamatta  ( controtelaio) sottostante vi è dello spazio, nel caso che non ci fosse sarà sufficiente tagliare la tavola superiore del controtelaio e riposizionare la porta precedentemente smontata. Stesso discorso potrebbe valere per la porta d'ingresso, nel caso fosse blindata e non vi sia lo spazio per alzarla si dovrà ricorrere al taglio della parte inferiore della stessa (intervento meno complicato di quanto sembri)

Per le porte balcone invece bisogna valutare se vi è spazio tra la battuta della portafinestra e la vecchia pavimentazione , nel caso fosse inferiore a circa cm.1,5,si dovrà eseguire il taglio della parte inferiore

 

Possiamo posare vari tipi di pavimentazioni a seconda del gusto personale o della tipologia dell'ambiente, ceramica legno laminato o pvc

 

PAVIMENTAZIONE IN LEGNO

 

Questa può avere due tipologie di posa ,quella definita "flottante" cioè non incollata, ma utilizzando listoni ad incastro posati su pannetto di sottofondo, in questo caso  non vi è da fare praticamente nulla e la posa risulta molto veloce, pulita e subito calpestabile, molto adatta nei casi di appartamenti abitati.

Oppure si può utilizzare la pavimentazione incollata su sottofondo esistente, in questo  caso è consigliabile una raschiatura, tramite macchina levigatrice, della vecchia  pavimentazione in ceramica ,per permettere un buon ancoraggio del collante. Utilizzando questo sistema la nuova  pavimentazione non è  immediatamente calpestabile.

A pavimentazioni ultimate, la prima calpestandola si avrà un effetto leggermente flottante e soffice, la seconda come una pavimentazione "normale"

 

PAVIMENTAZIONE IN LAMINATO/PVC

 

Hanno entrambe lo stesso sistema di posa della pavimentazione in legno "flottante" con il medesimo risultato al calpestio , la differenza consiste nel materiale della pavimentazione

Molto utilizzata negli uffici , ma ultimamente visto l'alto standard di finitura ,anche in appartamenti, in questo caso la posa risulta molto veloce pulita  ed immediatamente calpestabile

 

PAVIMENTAZIONE IN CERAMICA

 

La posa di pavimentazione in ceramica su sottofondi  esistenti  è sicuramente la più diffusa non presenta particolari problematiche.

E consigliata un'accurata pulizia da polveri e/o cere, tramite acidatura della vecchia pavimentazione, per eliminare eventuali trattamenti soprattutto da vecchie pavimentazioni in marmo o granito.

E’ consigliabile anche l’uso di un “Primer” per migliorare l’adesione del nuovo collante sulla pavimentazione esistente

L'utilizzo dei nuovi collanti in commercio, permette la posa praticamente su qualsiasi tipo di sottofondo ( addirittura su pavimentazioni in legno, con le dovute precauzioni) anche di formati 60x60/80x80 e su pavimentazioni  con piccoli avvallamenti che possono essere compensati dalla colla stessa

Dopo la posa in questo caso  bisognerà attendere almeno 24  ore prima della stuccatura della nuova pavimentazione e di conseguenza dell'utilizzo dell'ambiente

Questa tipologia d'intervento non è molto adatta nel caso di appartamento abitato, in quanto, per quanto bravo e pulito possa essere il posatore, si provoca polveri, rumori e disagi.

 

Concludendo, non esiste una pavimentazione migliore o peggiore per le sovrapposizioni , grossolanamente possiamo affermare che la pavimentazione in legno  o laminato pone qualche limitazione in più dovute alla consistenza del fondo e la presenza di umidità, quelle in ceramica possono essere posate con maggior tranquillità, quelle in pvc non risentono di umidità .

 

ATTENZIONE PERO'...........

tutte le pavimentazioni ,anche le piu belle e le piu costose produrranno un OTTIMO RISULTATO se verranno OTTIMAMENTE POSATE, pertanto non risparmiare sul costo della posa ......mi raccomando

 

ciao

 

http://www.edilmanfre.it

Cerca nel blog:

Autore :

Alessandro Seghedoni

PERCHE' QUESTO BLOG?... Sono Alessandro  Seghedoni ,uno dei pochi  imprenditori Edili nato e cresciuto in cantiere. Ho iniziato la mia attività lavorativa subito dopo il diploma, quasi per scherzo(...come dico sempre..) giovane ma con molta voglia di imparare. Affiancando il mio "futuro suocero"ho iniziato dalla gavetta in cantiere.Ma giorno dopo giorno, anzi anno dopo anno ho assimilato i piccoli segreti dei vecchi mestieri Artigiani,affiancandoli piano piano alle nuove tecnologie e modalità costruttive. Cosi, quasi per scherzo sono passati trent'anni e la piccola impresa artigiana si è evoluta in una Impresa Edile SRL  moderna che conta 10 dipendenti e un albo fornitori di tutto rispetto. Ma veniamo al motivo della creazione di questo blog, che non è quello di spiegarti cosa ho fatto, ma di aiutarti ad entrare nel modo delle ristrutturazioni , affiancandoti nelle scelte e fornendoti  spiegazioni che ti saranno molto utili quando deciderai di farne una Buona lettura

Post recenti:

Categorie :